Pandispagna

Cupcake Vegano

In Cupcake Vegano on 16/01/2011 at 18:21

Una sorpresa per i nostri amici che hanno fatto questa nobile scelta: per non rinunciare a nulla, soprattutto a un cupcake!

Wikipedia ci racconta che “Il termine veganismo indica una dieta e uno stile di vita che esclude l’uso di prodotti di origine animale come cibo.Gli aderenti (detti vegani) rifiutano quindi non solo di nutrirsi di carne e pesce, come i vegetariani, ma anche di latte, latticini, uova e derivati, nonché di acquistare e usare prodotti di qualsiasi genere la cui realizzazione implichi lo sfruttamento diretto di animali.”

Al lavoro, dunque!!

Dosi per 24 cupcake:

350 gr di farina 00

4 cucchiai di cacao amaro in polvere

1 pizzico di sale

400 gr di zucchero bianco

125 ml di salsa di mele

250 ml di acqua fredda

2 cucchiaini di aceto di vino bianco

2 cucchiaini di bicarbonato

250 gr di gocce di cioccolato fondente

Preriscaldo il forno a 190°. Fodero due teglie da muffin coi pirottini di carta e le metto da parte. In una ciotola combino la farina, lo zucchero, il cacao e il sale, amalgamando il tutto con una frusta metallica a mano:

In un’altra ciotola miscelo l’acqua, la salsa di mele, l’aceto e il bicarbonato:

Aggiungo la miscela di farina a quella liquida, mescolando solo fino a quando gli ingredienti risultano amalgamati:

Unisco 100 gr di gocce di cioccolato (dopo averle ricoperte con un velo sottile di farina per evitare che finiscano tutte sul fondo dei tortini):

Con l’aiuto di una paletta da gelataio, distribuisco il composto in ciascun pirottino, riempendoli per circa 3/4 della loro capienza:

Inforno per circa 20 minuti, o fino a quando uno stuzzicadenti inserito nel centro di un tortino esca pulito. A cottura ultimata estraggo la teglia, la lascio riposare per circa 5 minuti su una gratella e poi estraggo i tortini, lasciandoli raffreddare completamente:

Una volta raffreddati i pirottini, sciolgo al micro-onde le rimanenti gocce di cioccolato, a intervalli di 30 secondi:

Verso una piccola parte di cioccolato fuso sulla superficie di ciascun cupcake, poi batto il fondo del tortino sul piano di lavoro per diffonderlo uniformemente e farlo arrivare solo fino al livello superiore del pirottino:

Termino cospargendo noci, nocciole o (volendo) frutta secca sulla superficie, intanto che il cioccolato non si è ancora solidificato:

E buon appetito!

Annunci
  1. Interessante l’utilizzo della salsa di mele e del balsamico. Non sono vegana ma la ricetta mi incuriosisce molto. Se, qui, trovo la salsa di mele mi garberebbe provarli.

  2. Perfetti per l’amichetto di mio figlio allergico a uova e frutta secca!

  3. se non fossi sposata ti sposerei… sono spettacolari…
    io pirottini di silicone possono essere usati per i cupcakes?

    • wow, Maria Antonietta! 🙂 Puoi usarli tranquillamente in silicone, io non sono un loro grande fan (si vede che sono tradizionalista…) ma sicuramente vanno benissimo!

      • avrei bisogno di un consiglio grande grande… mi sono finalmente decisa a provare una tua ricetta i cups alla vaniglia. io ho una impastatrice boman credo sia piuttosto simile alla kitchen che hai tu, mi trovo in difficoltà con le piccole quantità non sono riuscita a rendere cremosi i 90g di burro che sono rimasti sotto alla ciotola nonostante abbia provveduto a usare la marisa per raccogliere cio che si era raccoltro sulle pareti…
        ps le tortine si sono sedute al centro:(tu come fai? grazie del tuo aiuto
        ho usato i pirottini di carta

      • se il mixer elettrico non impasta grandi quantità, io a volte uso il classico frullino elettrico… è un sempreverde e nei casi di emergenza è infallibile. Se i cupcake si “afflosciano” al centro, forse la temperatura del forno è troppo alta… che sia ventilato? in questo caso meglio ridurre la temperatura a 170° e ruotare la teglia a metà cottura. Fammi sapere come va!

  4. ho rifatto le tortine dopo cena usando il mitico mixer a mano,
    sono venute davvero dei mini muffin dal sapore buonissimo.non sono perfette perchè non avevo più tutti gli ingredienti a disposinzione.
    il problema era nella farina, avevo usato l’autolievitante ed erano risultati amari,inconsistenti e untuosi.
    il mio forno è ventilato e devo seguire il tuo consiglio della temperatura e ruotare la teglia.

  5. Ciao Francesco. Sono di nuovo qui a porti una domanda, forse per te cosa ormai scontatissima…. Che differenza c’è tra la frusta a filo e la frusta piatta???
    Grazie!
    Roberta

    • Ciao Roberta, macchè domande scontate! La frusta a filo è simile a quella dei frullini a mano e consente di montare a neve gli albumi o altri impasti dalla consistenza molto liquida. La frusta piatta, invece, ha la caratteristica forma a ‘Y’ e serve per miscelare impasti più consistenti, tipicamente con la farina. A presto!

  6. […] liquida, amalgamando bene. A questo punto aggiungete le goccie di cioccolato (come suggerisce Pandispagna, da cui ho tratto la ricetta, “dopo averle ricoperte con un velo sottile di farina per evitare […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: